«Il processo che va dall’accoglienza all’integrazione – ha detto don Domenico – richiede che le presenze vengano distribuite, soprattutto in un territorio che soffre lo spopolamento e che non chiede niente di meglio che venire ripopolato».